We are heading towards the future

 

IVECO CHECK STOP presso l' Interporto Quadrante Europa dal 23 al 27 giugno 2014

 

Al via la campagna per la sicurezza stradale Iveco Check Stop che offre un servizio gratuito di controllo
sullo stato di vigilanza dell’autista e di verifica delle funzionalità del mezzo.

Iveco si prende cura della sicurezza degli autotrasportatori e dei loro mezzi: è questo in sintesi il messaggio della campagna “Iveco Check Stop” l’iniziativa che, a partire da oggi a Torino e per cinque tappe distribuite su tutto il territorio nazionale, offrirà un servizio gratuito di controllo sullo stato di vigilanza, sonnolenza e fatica dell’autista e di verifica delle funzionalità primarie del veicolo.
Attivata in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze (DINOGMI) dell’Università degli Studi di Genova e patrocinata dal Ministero dei Trasporti, dall’Associazione Italiana Medici del Sonno, dal Dipartimento di Scienze della Salute (DISSAL) dell’Università di Genova e dall’Unione Interporti Riuniti, Iveco Check Stop prevede  l’allestimento di specifiche aree di servizio su cui sarà posizionato uno speciale veicolo hospitality agganciato a un Iveco Stralis Hi-Way, veicolo della gamma pesante Iveco, al cui interno sarà allestita una sala medica per effettuare le visite.
L’area sarà attrezzata per il check-up medico e, nello specifico, per il controllo di tutti i sintomi e i segni che contribuiscono a identificare un disturbo del sonno o della vigilanza che comportano sonnolenza alla guida.

Sono sei, in particolare, le tappe nazionali previste dal progetto:

Torino Magazzino Kuene+Nagel 10-12 giugno

Novara CIM Spa Interporto 16-20 giugno

Verona Interporto Quadrante Europa 23-27 giugno

Bologna Interporto di Bologna 30 giugno – 4 luglio

Roma Area di Servizio Prenestina Est 9-10 luglio

Nola Interporto Campano 14-18 luglio

Gli autotrasportatori potranno sottoporsi a un test completamente anonimo e gratuito sulle problematiche legate al sonno, come l’eccessiva sonnolenza diurna, l’insonnia, le apnee notturne, che verrà effettuato da personale medico altamente qualificato dell’Università di Genova (DINOGMI).
Al termine, riceveranno informazioni relative alle buone norme di comportamento per un sonno corretto ed eventuali consigli per un corretto approccio nel sospetto di presenza di patologie del sonno.
All’esterno, sarà invece allestita una zona tecnica per effettuare un check sull’apparato anteriore e posteriore di illuminazione del veicolo, con eventuale sostituzione gratuita di componenti non funzionati e misurazione della profondità del battistrada degli pneumatici, indice della loro usura e dunque conseguente causa di incidenti stradali.
Con Iveco Check Stop, Iveco conferma ancora una volta il proprio impegno rivolto al tema della sicurezza stradale. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle iniziative di sostenibilità dell’azienda, brand del Gruppo CNH Industrial che, anche nel 2013, si è confermata Sector Leader negli indici Dow Jones Sustainability World e Europe.
Per il secondo anno consecutivo, Iveco, insieme agli altri brand di CNH Industrial, ha inoltre in attivo una collaborazione con la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), per sostenere, in qualità di “Official Suppliers”, la campagna FIA Action for Road Safety, che intende sensibilizzare ed educare a un comportamento di guida più sicuro, al fine di salvare vite umane sulle strade di tutto il mondo.

Lanciata l'11 maggio 2011 a sostegno del progetto delle Nazioni Unite Decade of Action for Road Safety (2011-2020), l'iniziativa della FIA ha ricevuto il sostegno entusiasta da parte della comunità degli sport motoristici, dei membri dei governi e dei decision makers globali.


Iveco e la sicurezza stradale
Iveco Check Stop affronta il tema della sicurezza stradale a 360°, prendendo in considerazione sia i
fattori umani che possono determinare un rischio di incidente stradale, come la sonnolenza alla guida, sia quelli derivanti dall’interazione tra infrastrutture, autista e veicolo, che possono impattare sulla sicurezza preventiva, attiva e passiva.
Ogni anno 1,3 milioni di persone sono vittime di incidenti letali e quasi 50 milioni di persone restano ferite in incidenti stradali. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che, se non si interverrà per risolvere questo problema, entro il 2030 gli incidenti stradali saranno la quinta causa di morte più comune del pianeta, con una previsione di oltre 2 milioni di decessi all'anno.
Se da un lato recenti studi confermano che l’eccessiva sonnolenza diurna alla guida è causa e/o concausa del 22% degli incidenti stradali ed è una delle principali cause di incidenti mortali che si verificano in autostrada, è altrettanto vero che l’interazione tra autista, alla guida di mezzi di ultima generazione, sottoposti a costanti controlli tecnici di manutenzione, che viaggiano su infrastrutture stradali moderne, risulta un elemento preventivo non trascurabile.
La sicurezza rappresenta per Iveco, e per tutti i brand di CNH Industrial, un valore fondamentale: la tecnologia applicata ad avanzati sistemi di sicurezza è infatti uno strumento indispensabile alla salvaguardia del conducente, degli altri utenti della strada, del veicolo e del carico.
Il suo impegno continuo è visibile in tutta la sua gamma prodotto con soluzioni tecniche e tecnologiche offerte per la sicurezza preventiva, attiva e passiva.
Il Nuovo Daily, il leggero appena lanciato sui mercati europei, potenzia le sue prestazioni in termini di sicurezza: oltre all’Electronic Stability Program (ESP) di serie, il Nuovo Daily introduce contenuti di alto valore tecnologico, tra cui il Lane Departure Warning System (LDWS), che segnala acusticamente quando il veicolo esce dalle linee che delimitano la corsia di marcia senza che siano stati azionati gli indicatori di direzione. Un sistema che si rileva molto efficace nella prevenzione di incidenti dovuti a distrazioni o a colpi di sonno.
Inoltre, lo scorso anno, Il veicolo di punta della gamma pesante, lo Stralis Hi-Way, protagonista della
campagna Iveco Check Stop, è stato riconosciuto “International Truck of the Year 2013” da una giuria internazionale, per le sue caratteristiche anche in termini di sicurezza.


Sonnolenza, disturbi del sonno e rischio di incidenti
Studi recenti hanno messo in luce un alto tasso di incidenti legati ai colpi di sonno tra gli autotrasportatori professionisti. Questa categoria di utenti stradali presenta infatti un debito di sonno mediamente maggiore rispetto a tutte le altre, di norma a causa di un incremento delle ore di lavoro, dello stress o di un eccessivo incremento dell’attività extra lavorativa.
L’eccessiva sonnolenza alla guida è una delle principali cause di incidenti mortali che si verificano in autostrada. Per il suo benessere psicofisico, in media l’organismo necessita di dormire circa sette ore a notte. Riposare meno ore, a causa di errati stili di vita o di lavoro, aumenta di 1.8 volte il rischio di avere incidenti stradali causati dalla sonnolenza.
La “società delle 24 ore”, altamente tecnologica e informatizzata, ha accelerato a dismisura il ritmo della vita, limitando il tempo dedicato al sonno e aumentando le fonti di stress a scapito di benessere, vigilanza e attenzione. Gli effetti della sonnolenza possono esser paragonati a quelli dell’alcool: stare svegli per circa 17-18 ore provoca distrazioni e riduzione delle performance psicofisiche alla guida tanto quanto 0.5gr/l di alcool nel sangue; stare svegli per circa 24 ore provoca distrazioni pari a quelli provocati da 1gr/l di alcool nel sangue.
Gli incidenti causati da eccessiva sonnolenza si verificano generalmente di notte fra l’una e le sei del mattino, oppure nel primo pomeriggio. Durante la notte il cervello tende spontaneamente a dormire, mentre ha grande difficoltà a restare sveglio.
Tra le altre cause di eccessiva sonnolenza alla guida, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS) è la più frequente patologia. Si stima infatti che in Italia ci siano circa 2 milioni di potenziali pazienti, che ancora non si sono sottoposti a un controllo: è fondamentale individuare i segni e i sintomi di questa patologia, soprattutto per chi svolge mansioni che richiedono un elevato livello di vigilanza e attenzione. A questa tra le cause, si aggiungono l’assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti e di farmaci ad azione sedativa sul cervello, come alcuni antistaminici, antipertensivi e antinfiammatori, sedativi per la tosse, ansiolitici e antidepressivi e farmaci che facilitano il sonno.

Iveco
Iveco è un brand di CNH Industrial N.V., un leader globale nel settore dei capital goods, quotato al New
York Stock Exchange (NYSE: CNHI) e sul Mercato Telematico Azionario, organizzato e gestito da Borsa
Italiana (MI: CNHI). Iveco progetta, costruisce e commercializza un’ampia gamma di veicoli commerciali
leggeri, medi e pesanti, mezzi cava/cantiere, autobus urbani e interurbani e veicoli speciali per applicazioni
quali l’antincendio, le missioni fuoristrada, la difesa e la protezione civile. Con oltre 27.000 dipendenti,
Iveco produce veicoli dotati delle più avanzate tecnologie in 11 paesi del mondo, in Europa, Asia, Africa,
Oceania e America Latina. Cinquemila punti di vendita e assistenza in più di 160 Paesi garantiscono
supporto tecnico ovunque ci sia un veicolo Iveco al lavoro.


Per maggiori informazioni contattare:
Ufficio Stampa Iveco – EMEA Region
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.ivecopress.com
Telefono +39 011 00 72122

Olandiamo: "Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics" - 28 maggio 2014

Si intitola Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics. Sviluppi, soluzioni innovative e opportunità di business l’evento promosso da Ambasciata e Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi in Italia e da Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona, in programma mercoledì 28 maggio dalle 8.45 all’Interporto Quadrante Europa

L’appuntamento, inserito nel programma di Olandiamo in Veneto, è parte di una missione commerciale a cui partecipano 12 aziende olandesi attive nei diversi comparti del settore trasporti e logistica, interessate ad avviare o intensificare i rapporti commerciali con partner italiani. Le aziende saranno a Verona da martedì 27 maggio, quando è in programma una visita all’Interporto.

La giornata del 28 maggio è divisa in una prima parte pubblica con interventi di massimi esperti provenienti da entrambi i Paesi che si confronteranno su temi cruciali come procedure di sdoganamento, logistica integrata, trasporto sostenibile, sincromodalità, serious gaming nella logistica e una tavola rotonda che metterà a confronto le esperienze italiane e olandesi sul trasporto merci. Nel pomeriggio invece avrà luogo la seconda parte di matchmaking, organizzata in collaborazione con Link2Italy, società di consulenza specializzata nell’internazionalizzazione, con incontri B2B tra le partecipanti olandesi e aziende italiane (già più di 30 le adesioni). Gli incontri, della durata ciascuno di circa 30 minuti, metteranno in relazione ogni azienda olandese con 7-12 potenziali partner italiani.

European delegation at Interporto Quadrante Europa: Verona is a strategic priority

According to Pat Cox, Coordinator of Corridor 1, Verona is indispensable for the European vision of intermodality and is one of the European Union's strategic priorities.

Read more...

"Netherlands-Italian Workshop & Matchmaking Logistics" - 28 maggio 2014, Interporto Quadrante Europa

Read more...

Consorzio ZAI renews its ISO 9001:2008 certification

Integrated Management System: Quality, Corporate Responsibility and Safety.

Read more...

Delegazione israeliana in visita all'Interporto Quadrante Europa

Read more...

Consorzio ZAI renews its SA8000:2008 certification

ETHICS AND CORPORATE RESPONSIBILITY: A FUNDAMENTAL ELEMENT IN THE CONSORZIO ZAI MANAGEMENT SYSTEM

Read more...

LOGISTICS DAY - 07 MARZO 2014

LOGISTICS DAY 7 MARZO 2014 ORE 15


INTEGRAZIONE 2.0: Dov’è il valore per il cliente e per il fornitore?
LogiMaster, il Master in Logistica Integrata - Supply Chain Management del Dipartimento di
Economia Aziendale, organizza il tradizionale Logistics Day, evento annuale giunto alle sua
XIII edizione dal titolo: “INTEGRAZIONE 2.0: Dov’è il valore per il cliente e per il
fornitore?”

PROGRAMMA:

ORE 15.00 Indirizzi di saluto e apertura dei lavori del Coordinatore Scientifico del LogiMaster,
Prof. Antonio Borghesi e del Direttore LogiMster, Prof.ssa Barbara Gaudenzi.


Relatori:

 Interporto Quadrante Europa: un sistema logistico infrastrutturale di eccellenza in Europa, Nicola Boaretti (Interporto Quadrante Europa di Verona)
 ZAI: Lo sviluppo della ricerca e le sfide strategiche future, Zeno D'Agostino (Consorzio Zai di Verona)
 L’integrazione, partnership alla base dello sviluppo, Renato Mosca (Gruppo Stef) e Michele Silvestri (Muller)
 Dal Toyota Production System… al Toyota Warehousing System, Maurizio Mazzieri (Toyota Material Handling Italia)


Abstract:
Nel contesto competitivo attuale le supply chain aziendali si fronteggiano tra di loro sulla base di scelte di fornitura piuttosto che di distribuzione del prodotto fino all’assistenza continua nel tempo del cliente; in sintesi, è piuttosto evidente da numerose esperienze aziendali che l’insieme può raggiungere risultati migliori della somma delle sue parti.
Quindi, l’integrazione tra fornitore e cliente diventa un elemento critico nell’ambito
della gestione di una catena di fornitura, tuttavia non sempre però tale integrazione
risulta realmente efficiente ed efficace rispetto agli obiettivi aziendali.

Spesso infatti manca una adeguata mappatura degli elementi realmente a valore dell’integrazione tra fornitore e cliente e che impediscono di rendere produttiva e differenziale la supply chain.
Flessibilità, agilità, innovazione, nuove soluzioni organizzative sono qualità richieste alla
catena logistica, di pari passo con la condivisione delle informazioni e degli elementi competitivi di contesto, con l’obiettivo di instaurare un rapporto di collaborazione fattivo e di valore.
Il pomeriggio del Logistics day 2014 ospiterà best practice in tale ambito che nascono dalle
esperienze di imprese di primaria importanza in diversi contesti produttivi e di servizio come
Toyota Material Handling, Il Gruppo Stef, Muller, Interporto Quadrante Europa di
Verona.
Durante l'evento sara' premiato con il "Logistics Project Award" uno tra i progetti svolti dagli
allievi durante il periodo di intership presso le imprese partners del Master. Inoltre, sarà
assegnato l' "Ex Alumni Award" ad un meritevole ex-alunno del Master che ha raggiunto
importanti traguardi in ambito professionale nella logistica e nel supply chain management.

La partecipazione al Logistics day è libera e gratuita, si prega di mandare email di conferma a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. entro il 3 marzo 2014.

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA LOGIMASTER
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Logistics of the Year Award 2012

In Milan on 30th November 2012 Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa received the 2012 Logistics of the Year Award for its innovative PUA Quadrante Europa Nord project.

Visita dell'Europarlamentare On. Franco Frigo presso il Consorzio ZAI

Visita dell'Europarlamentare On. Franco Frigo presso il Consorzio ZAI

La visita dell' On. Franco Frigo alla presenza del Presidente Matteo Gasparato, del consigliere Giancarlo Montagnoli, del presidente della Quadrante Servizi Silvano Stellini, del presidente della QETG Paolo Artelio e della dirigenza del Consorzio Zai avviene con lo scopo di fare sistema per creare sviluppo nelle infrastrutture del nord-est essendo il Quadrante Europa il primo interporto europeo davanti a Norimberga e Brema .

Il Quadrante Europa è tra più i moderni hub-merci d’Europa, che movimenta 22 coppie di treni intermodali al giorno pari a circa 350.000 autotreni che sono stati trasferiti sulla ferrovia dalla strada.

La visita dell' On. Franco Frigo alla presenza del Presidente Matteo Gasparato, del consigliere Giancarlo Montagnoli, del presidente della Quadrante Servizi Silvano Stellini, del presidente della QETG Paolo Artelio e della dirigenza del Consorzio Zai avviene con lo scopo di fare sistema per creare sviluppo nelle infrastrutture del nord-est essendo il Quadrante Europa il primo interporto europeo davanti a Norimberga e Brema .

L'europarlamentare ha ricordato che alla luce dell'approvazione dell'accordo con gli Stati membri sul nuovo meccanismo per "collegare l’Europa" (Connecting Europe Facility, CEF), volto ad accelerare il finanziamento per completare le infrastrutture nei settori dei trasporti, dell’energia e delle telecomunicazioni.

Il CEF avrà un bilancio complessivo di circa 29,3 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, dei quali 23,2 miliardi di euro saranno utilizzati per il settore dei trasporti per migliorare i collegamenti transfrontalieri ed eliminare le strozzature; € 5,12 miliardi di euro per l'energia, per modernizzare ed espandere le infrastrutture energetiche e aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti; e 1 miliardo di euro per le telecomunicazioni per stimolare lo sviluppo di reti a banda larga e dei servizi digitali.

Il Quadrante Europa è tra più i moderni hub-merci d’Europa, che movimenta 22 coppie di treni intermodali al giorno pari a circa 350.000 autotreni che sono stati trasferiti sulla ferrovia dalla strada.

Il CEF migliorerà la mobilità dei cittadini, dei beni e dei servizi in tutta l'UE risolvendo la questione dei collegamenti mancanti e delle strozzature nelle reti. Lo strumento di finanziamento contribuirà a sviluppare ferrovie sostenibili e le "autostrade del mare", nonché a migliorare l'interoperabilità .

 

Italo-German Forum on logistics in Munich

Important meeting between Consorzio Zai Quadrante Europa, Italian port authorities, railway operators, freight carrier associations and leading transport sector players in Bavaria.

Read more...

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.